Servono più leader nelle nostre aziende. La leadership è infatti una caratteristica fondamentale nel mondo del lavoro, da sempre apprezzata e richiesta soprattutto in tempi difficili perché permette di raggiungere i propri obiettivi e coinvolgere i collaboratori. Ma in sostanza cosa significa essere leader e in che modo questi uomini e donne possono influire con il loro carisma il business? Lo abbiamo chiesto a Jack Zenger, Ceo e cofondatore della società di consulenza Zenger & Folkman, che ha condotto studi e ricerche su 20.000 manager di tutto il mondo. Dunque un vero e proprio guru di questa materia. Zenger è autore del libro Il leader straordinario (Franco Angeli), in cui si presenta un modello in grado di individuare le competenze più importanti per essere un leader eccellente.

Oggi si parla molto di leadership, forse troppo, ma è realmente possibile darne una definizione univoca?

La leadership è sicuramente un argomento complesso. All’ultimo censimento abbiamo conteggiato decine di migliaia di articoli sul soggetto. Dal mio punto di vista la leadership consiste nel fare in modo che le persone si trovino unite per un’azione e uno scopo. Quindi, che si tratti di una squadra o di un’intera organizzazione, il leader crea la visione e i valori che aggregano le persone. Questa è una componente importante. Leadership è anche il processo attraverso il quale una persona influenza altre persone, cosicché la prestazione del singolo o di un gruppo raggiunga un livello più elevato di quanto sarebbe stato senza il leader. Questi due obiettivi possono essere raggiunti attraverso l’utilizzo di una varietà di competenze e comportamenti.

Quali?
Continua a leggere l’intervista su Dirigente, la rivista di Manageritalia con focus su management, mondo del lavoro e attualità.