Ne parleremo oggi, martedì 22 giugno a Milano, con Tito Boeri, economista e docente di Economia del Lavoro presso l’Università Bocconi e coautore del libro Classe dirigente, recentemente pubblicato da EGEA; Raffaele de Courten, partner e fondatore Alto Partners SGR; Mario Gasbarrino, AD Unes Supermercati Gruppo Finiper e con autorevoli personaggi della business community.

Prenderemo spunto dalla presentazione dell’indagine dell’Osservatorio Manageriale di Manageritalia sui manager, per capire come sta evolvendo il loro lavoro in termini di retribuzione, incentivazione, formazione, competenze ecc.

Ne parleremo per capire come e quale management può e deve essere uno dei punti cardine di un reale aumento della nostra capacità di essere produttivi e competere. Infatti, per aumentare la produttività ci vogliono miglioramenti nella gestione e organizzazione delle aziende. Tutti sappiamo che la produttività, il valore aggiunto per addetto, è oggi doppia o tripla nella grande impresa rispetto a quella media o piccola. Allora è necessario aumentare presenza, competenza e cultura manageriale delle nostre imprese. Pensiamo che in Italia, nel settore privato, su 240mila aziende con 10 dipendenti o più, solo 32mila hanno al loro interno un dirigente. Pensiamo anche che in Italia abbiamo, sempre nel settore privato, un dirigente ogni cento lavoratori dipendenti, contro i tre di Germania e Francia e i sei dell’Inghilterra.

Allora dobbiamo incentivare le aziende a inserire manager al loro interno, dobbiamo favorire l’aggregazione e il lavoro in rete delle piccole e medie aziende, anche solo per condividere, su alcune aree strategiche, l’apporto che solo una risorsa manageriale capace e competente può fornire. Certo, questo non basta, dobbiamo favorire anche una crescita della capacità di investire in nuove tecnologie, in innovazione ecc.

Ma come ogni buon investitore sa e pretende da chi gli chiede credito, dobbiamo partire dalla capacità di avere piani e obiettivi credibili e competenze manageriali, ma non solo, per raggiungerli.

Avete idee o esperienze da condividere per aumentare nei prossimi anni la capacità manageriale del sistema e di conseguenza la sua produttività?